Germogli: avanti tutta!

Quali semi far germogliare?

La gamma di semi da germogliare è ampia. E’ importante tuttavia che i semi nascano da colture biologiche per essere privi di pesticidi e avere un potere germogliativo completo. I semi germogliati vanno consumati così come si presentano, o con insalate o con altri piatti; non c’è una quantità giornaliera minima o massima da rispettare: più se ne mangia, più si danno al proprio corpo sostanze vive ed equilibrate!

Ecco un elenco di semi utilizzati correntemente:

Azuki

ff56cebef645e2eb9ea91c52f420beec.gifL’azuki è un piccolo fagiolo rosso originario dell’estremo oriente. Il suo sapore è caratteristico senza essere forte. Si possono consumare i semi dopo un periodo di 3-5 giorni di germogliazione (quandi i germi raggiungono 1-2 cm di lunghezza). Gli involucri rossi possono essere tolti facendo macerare i semi in una bacinella d’acqua; essi galleggiano in superficie e vengono raccolti con un colino. Talvolta si trovano, tra i semi germogliati, alcuni semi che sono rimasti duri…attenzione ai denti! Fate una piccola cernita prima di mangiarli.

 Alfa-alfa (erba medica)

245e37601c8ddf96425f96f7f42adb01.jpgLa regina delle insalate, gustosa e croccante! Essa germoglia molto facilmente. La si lascia 4 o 5 giorni al buio. A partire dal quarto giorno e fino al consumo, le piantine richiedono un lavaggio quotidiano; esse raggiungono allora 3 o 4 cm di lunghezza e vengono esposte alla luce perchè sviluppino la loro clorofilla. Dopo due giorni di luce saranno pronte per essere mangiate.

 

Grano

ea359b923a8c016e0b0c2e1664302448.jpg

Il grano è il “portabandiera” dei semi germogliati. Si possono consumare i semi dopo un periodo di 2/4 giorni di germogliazione, quando i germogli sono lunghi qualche millimetro. Questi semi germogliati hanno un sapore zuccherino e piacevole e le loro proprietà sono eccezionali.

 

Fieno greco

d2fe8e597344e6b4d848cfaafc2cc1c8.jpg
I semi di fieno greco sono spesso usati come condimento. I germi e i nuovi germogli hanno un effetto depurativo sul fegato. Vengono consumati sottoforma di semi germogliati dopo 3 o 4 giorni di germogliazione.

 

Lenticchie

3c940c7828fdb71ebd5992c2ce388118.jpg
Le lenticchie si mangiano dopo 3 o 4 giorni di germogliazione, quando i germogli sono lunghi 1 o 2 cm. Hanno un gusto gradevole e sono ricchi di proteine.

 

Fagioli Mung

d3678bda2e76cbf067a2fcdc6e798eff.jpg
Sono i germogli di soia che avete certamente già consumato in un ristorante cinese o comprato in un negozio. Molto ricchi di proteine e vitamine, hanno un gusto rinfrescante. Essi vengono consumati dopo 3 o 4 giorni, quando hanno una lunghezza che varia da 2 a 4 cm. Alcuni preferiscono togliere le bucce verdi per ottenere un sapore più delicato. Più le foglie sono sviluppate, più il loro gusto è forte.

Ceci

0383360e5920008a7b83134f108f834c.jpg
I ceci germogliati so consumano dopo un periodo di 2/4 giorni, quando i germogli sono lunghi circa 2 cm. Bisogna badare a sciacquare abbondantemente. I ceci costituiscono un alimento molto corroborante. Per un gusto più fine togliere le pellicole dai semi.

 

 Girasole

f2dce0cb4b89aa9c0886538ad5f9276d.jpg
Il girasole è il seme più facile da far germogliare. Decorticato, viene consumato subito dopo una breve macerazione (4 ore). Il girasole è molto ricco di proteine e di grassi insaturi.

 

 

tratto dal libro: Alimentazione Viva, Dr Soleil, edizioni Sarva

Germogli: avanti tutta!ultima modifica: 2008-06-12T12:30:00+02:00da okara.it
Reposta per primo quest’articolo

5 pensieri su “Germogli: avanti tutta!

  1. ciao annalisa!
    mi viene il dubbio che le rosse decorticate in realtà non siano il seme tutto intero di lenticchia ma bensì spezzato…ti consiglierei di fare l’esperimento con delle lenticchie “normali”. comunque puoi controllare che tutto stia andando per il verso giusto dando un’occhiata qui:
    http://okara.myblog.it/archive/2008/01/31/germogliazione-step-by-step.html
    …è spuntata una radichetta o si sono solo gonfiate?
    =)

Lascia un commento